Diario di una precisa incostante

Guardava il cielo . Brillante e aperto come poche volte capita.Un tramonto che sapeva di rosa e viola con una farcia di indaco.Tutto attorno gente distratta con il naso piantato a terra ,tutti ammantati di freddo sabato, con la necessita’ che passi veloce,il piu’ veloce possibile .Di sabato in sabato il tempo ha le ore segnate.Da cosa? Chi avra’ permesso che questo accadesse? Eppure si era ben corazzata ,aveva  pure creato il club degli Spiriti Liberi Astratti per poi rendersi conto che l’acronimo era la sigla di una terribile malattia! In fondo di molto non si era sbagliata :stessa sigla ,stessi sintomi,stesse conseguenze . Un muscolo atrofizzato per insufficenza di nutrimento che lo porta all’indurimento.

Eppure che ne sapeva di cose….era preparatissima .Lunghi anni in  lunghi monologhi l’avevano  riportata alla vita,per la quale lei non era stata programmata ,solamente indotta da partenogenesi.Ora stava raccogliendo i frammenti di piccole ,piccolissime frasi dove trovare forse le risposte in un sabato indolente, passato a sostenere  un’ incostante sicumera.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Absolute beginner. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Diario di una precisa incostante

  1. Lu ha detto:

    Mi piace!!! Bello Silvi.
    Ho dovuto usare il vocabolario 🙂 (sono una zolla di terra arida).
    Ho una bottiglia di vino che si sposerebbe benissimo con questi pensieri 🙂
    Dai organizziamo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...