I miei castelli

Mi sono riscoperta architetto con una specifica attitudine: i  castelli tra le nuvole….

Oh torna a visitarmi mio signore,del corpo terremoto, e del cuore….qui ritorna nei giorni del mio fiore che solo assedi esigono e terrore,fin che cammini dentro al grande amore, senza morire come ognuno muore, immobile e senza peso il cuore.(Patrizia Valduga)

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in I dolori del giovane Werther. Contrassegna il permalink.

2 risposte a I miei castelli

  1. Walter ha detto:

    Per chi come me, ama sognare ad occhi aperti

    OGNI GIORNO

    Ogni giorno ha la sua notte
    ogni giorno ha la sua alba,
    i suoi conti da pagare
    i suoi pianti da asciugare.

    Ogni giorno ha la sua storia
    di preghiere e di bestemmie,
    sporca di rabbia
    e compassione.

    Ogni giorno ha il suo destino,
    di orizzonti mai raggiunti,
    una partita vinta o persa
    con le sue carte da giocare.

    Ogni giorno è come un sogno,
    sempre diverso
    ma a volte
    anche uguale.

    Ogni giorno è intenso o vuoto
    come lo vogliamo noi,
    ma ogni giorno ha la sua vita
    …e non tornerà mai più.

  2. irisilvi ha detto:

    Non ho parole…..se non grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...