Lectio magistralis

Era seduto accanto a me.Piu’ fortunato in realta’.Poteva parlare dopo la mia incerta,disarticolata,timida presentazione.Da subito l’ho riconosciuto.Una identificazione immediata.Si esprimeva piu’ o meno come me.Un misto di allegra combinazione sanguigna,connotata da forte accento veneto.Ecco ,ho pensato,lui è il mio novello salvatore.Un giovane monello ,curioso che non mostrava paura.Un simpatico guascone con un vivace interesse per la lettura .Non ricordavo nemmeno il suo nome,per lui parlavano le spalle ,curve sul foglio,a difesa di un territorio ancora poco conosciuto  e le mani.Sottili.Mani cresciute da poco,che hanno sfiorato,mani di chi non sa fare il pane. Mi sono rilassata.Ora potevo guardarmi attorno ,cercare di capire chi fossero gli altri .Sebbene gia’ avessero indossato il loro migliore abito ,li potevo vedere solo ora,senza la banalizzazione dell’avere,senza la presunzione di sapere.Mi piaceva  spiare il loro sguardo,la luce che scaturiva dai  loro occhi pieni di speranze e di attese.Uno sguardo che profumava di futuro,una luce che non ammetteva incertezze.Non mi sono piu’ chiesta che ci stessi a fare in quel mondo,così lontano dal mio ma intimamente vicino ,collegato con  i recessi profondi della mia anima .

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Absolute beginner. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...