Il disordine ed il silenzio

Caos e solitudine.

Niente piu’ di questo.Non mi basta piu’. Me ne sto in silenzio,nel mio caos.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Absolute beginner, Donne, I dolori del giovane Werther, Uomini. Contrassegna il permalink.

13 risposte a Il disordine ed il silenzio

  1. Walterilsicano ha detto:

    Ma il silenzio è solitudine?

  2. Walter ha detto:

    Forse mai. Nel silenzio assoluto, sentiamo noi stessi. Il battito del cuore, il respiro.

  3. irisilvi ha detto:

    Questa è la versione costruttiva ,esemplare del silenzio,appunto non inteso come solitudine.Ce n’è un’altra ,piu’ subdola che agisce attraverso il caos e non fa nascere nessuna stella danzante.Rimane sterile,forse in attesa di risposte su domande mai fatte.

  4. Michela ha detto:

    e’ un misto riflessione caos attesa …………………..

  5. Michela ha detto:

    L’attesa
    Fare un elogio all’attesa,di questi tempi, sembra veramente anacronistico, ma è ciò che intendo scrivere. Attendere è una parola bellissima che deriva dal latino “ad tendere” cioè volgere la mente a, ma ancor più bello è nel suo significato di “tend…ere a”. L’attesa ci rimanda di conseguenza al desiderio, alla tensione,alla spinta che si manifesta nell’animo affinchè tale desiderio possa concretizzarsi nella nostra realtà. Il desiderio alimenta la cratività,la fantasia,la proattività che conduce all’appagamento,che è piena e completa realizzazione di sè. E tutto si è potuto concretizzare in quello spazio, sospeso nel tempo, che è l’attesa. Il corpo femminile è il simbolo per eccellenza dell’attesa: la sua ciclicità è attesa, portare in grembo una creatura è attesa, allattare è attesa. Senza poi contare tutte le altre forme di attesa che albergano nel cuore della Donna, tutte sono una meravigliosa espressione di questo tendere a. Nell’attesa ci diamo il tempo di ascoltare, di comprendere, di rispondere ai nostri perchè, senza accontentarci mai della risposta più ovvia,ma cercando sempre di andare a fondo,di cogliere l’essenza di ogni pensiero,di ogni parola, di ogni gesto. Quale momento della vita può essere descritto come così intenso, carico di emozioni, come quello dell’attesa? Perchè negarci questa opportunita? Perchè continuiamo a nasconderci dietro ai minuti che perdiamo e non ci rendiamo conto che stiamo perdendo noi stessi? L’attesa ha un suo valore intrinseco,ha un suo senso, anche se alle volte può essere doloroso. ” Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti,ma per seguir vertute e canoscenza”. Sappiamo quindi intraprendere il viaggio, considerando l’attesa come paziente coraggio e profonda saggezza! Laura Ferraresi
    by: Laura Fer…….

  6. Irisilvi ha detto:

    Michela!!!! Sei proprio tu???? Grazie per queste parole bellissime! Ho tanta voglia di vederti . Vieni in Italia ti prego. Ho pure l’ ADSL a casa che non funziona e quindi non posso risponderti come vorrei, con questo coso faccio quel che posso…. Domani al lavoro se ci riesco ti mando una mail.Ti voglio tanto bene un bacione a Peter!!!

  7. Walter ha detto:

    Ma tutto questo caos nelle foto non si vede. Dov’ è? A parte una pentola sulla scala, che fa tanto Biennale di Venezia…

  8. irisilvi ha detto:

    Beh ,Walter ,se pensi che è la mia camera da letto….anzi lo era ,ora solo quando ho voglia di andarci.Poi non c’è solo il pentolone da riporre nello sgabuzzino ,l’hai visto il cartone di latte,boh che ci fara’ mai lì?e le portine aperte con il nulla all’interno?per non parlare della libreria….pero’ pure nell’altra casa dove abito la libreria ha queste caratteristiche.Disordine!!!!!

  9. Walter ha detto:

    Per come la vedo io, c’ è un ordine inquietante. Ma tutto è soggettivo. Casa mia allora, sembra aver subito bombardamenti.
    Poi, cos’ è lo sgabuzzino? Forse volevi dire ripostiglio, dove si ripone.
    Nello sgabuzzino si sgabuzza, nel tinello si tinella? 😀

  10. irisilvi ha detto:

    Lo sgabuzzino risulta essere un ambiente utilissimo per la casa, ingloba tutto quello che non puo’ stare nel resto dell’abitazione e per questa ragione, deve essere attrezzato nel migliore dei modi, con mobili studiati anche su misura e soluzioni furbe fai-da-te

    Come copio io non copia nessuno….

  11. irisilvi ha detto:

    Walter ,entra in altri luoghi effimeri….c’è posta per te.

  12. Walter ha detto:

    QUIETE

    Ringhia la notte sul selciato.
    Passi nel cuore,
    ed è veglia.

    Frammenti di sensazioni.
    Le stagioni dell’ anima,
    come chiuse ostriche.

    Ora…adesso
    nel silenzio
    nel risveglio.
    Dentro.

    Pace attorno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...