Pe la fèsta dell’amore

Pe la fèsta dell’amore
sto penziero lo dedico a tutti l’innamorati.
Quarcheduno ce prova
e cerca’ sto cantuccio a la larga, ricco de pace e d’amore.
Chi lo trova e chi nun lo troverà mai!
Credo che ognuno de noantri se guarda bene
senza ammazzasse pe anna’ a la larga,
lo trova.
Sto posto esiste!
E se pòle trova’ puro accòsto… accòsto.
Vabbé me scordavo lo dedico puro a chi è solo.

Accòsto

Apprèsso a casa
mo è tutto innevato e sfiorito.
Ar vespèro quanno s’arza er vento
amore mio drénto ar còre te sento.

Ar matino ner celo azzuro
svolazzano inzieme a la giannétta
strormi d’ucèlli neri neri
teneri passerotti e pettirossi.

Quanno addiètro a la chiesòla
scégne quieto er sole
er vento lemme lemme
m’accarezza er viso e move le fòje.

Cognosco ‘n postarello
ricco d’amore e de pace
se trova drénto ar mì’ còre
m’arincrésce amore mio… nun te lo dico.

franca bassi

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Donne, I dolori del giovane Werther, Poesia. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Pe la fèsta dell’amore

  1. fausta68 ha detto:

    che meravija!!!! m’è arrivata drénto ar còre!!!!
    ho sentito l’aria della mia Roma….. dolcissima poesie!!!

  2. irisilvi ha detto:

    Che brava Franca ! E’ vero profuma di Roma…..

  3. ceglieterrestre ha detto:

    Roma è listesso de ‘na mamma, quanno la vedi, te resta drénto er core.
    Grazzie, ve vojo ‘n sacco de bbene, ‘n grosso abbraccico 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...