Rifiuto Solido Urbano

Accompagnare mia mamma al cimitero è sempre un’esperienza umana. La considero il mio personale fioretto che dovrebbe aprirmi le porte del Paradiso. Mi immagino San Pietro, con il suo mazzo di chiavi e lo sguardo accigliato, che vedendomi arrivare chiede “quale buona azione hai compiuto per meritarti cotanta fortuna?” ed io intimorita da quest’uomo grande e grosso tirerei subito fuori il mio pezzo da novanta: visita cimiteriale assistita. Anche oggi, partita con tutte le buone intenzioni, ho dovuto fare fede a questo antico patto con me stessa. Ad ogni tomba visitata una recriminazione che, piano piano tendeva a far vacillare ogni vana promessa … Facezie umane cara mamma, solo facezie umane, tutti  finiremo qua, e quando saremo responsabilmente ecocompatibili sai che ce ne importerà della tomba ben tenuta o dei fiori appassiti. Parole al vento da disperdere come cenere… semplicemente spazzatura cosmica.

Ho sempre detestato le classificazioni, così come chi pensa di divertire facendole. Poi se queste vengono usate per descrivere  persone mi scoraggio, penso a quanti stronzi (francesismo) ci siano in giro. Questo sembra il mondo degli eletti, i perfetti, quelli che non sbagliano mai, narcisi da far paura ma nonostante questo mai mi sognerei di dare dello scarto umano ad un mio simile. Fosse solo per il fatto che mi ci potrei vedere in quel lerciume. Tutto questo cercavo di spiegare a Sissi mentre mi raccontava una storia complicata, una di quelle da starci ore ed io avevo mia mamma da portare al cimitero. Sissi non posso , lo so sei stata ferita, ancor più ti ha ferita lui al quale volevi dare un pò, piccole briciole, di fiducia.La tua abilità nel puntare e nel barare non ha fallito. Hai giocato sporco, perdendo, ma sei riuscita a vedere. Ciò che volevi l’hai ottenuto. Bruttissimo vizio capitale: cercare l’anima dove al massimo puoi trovare Eau Sauvage di Dior. Magari feromoni, magari.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Donne, Futuro, Gnanca Omo (gna' omo), I dolori del giovane Werther, Mondo, Ricordi, Uomini. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Rifiuto Solido Urbano

  1. keypaxx ha detto:

    Del resto la razza umana è questo; un insieme di carne e materia.
    Alcune volte l’impasto riesce bene. Altre meno.
    Un sorriso per la serata.
    ^___^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...